La Spezia Film Festival Sezione Scuole

Share on facebook
Facebook

Una novità importante della quarta edizione della Spezia Film Festival è l’introduzione di una sezione specifica – non competitiva – dedicata ai film realizzati dai ragazzi delle scuole superiori della provincia. Ideatore e responsabile della sezione è Lorenzo Moretti, insegnante di religione cattolica e critico cinematografico, che dopo il successo delle tre edizioni precedenti vuole dedicare uno spazio del festival alla creatività dei giovani al fine di stimolare, attraverso la realizzazione di uno o più cortometraggi, un confronto diretto tra studenti appartenenti a diverse scuole del nostro territorio (licei, istituti tecnici e professionali) dando loro la possibilità di esprimersi con il potente linguaggio delle immagini nell’ambito di una manifestazione dedicata al cinema, e offrendo al tempo stesso ai ragazzi la speciale opportunità di proiettare i loro lavori insieme ai propri coetanei. Il bando per la presentazione dei film uscirà nelle scuole a settembre 2018 con l’inizio del nuovo anno scolastico: i lavori andranno inviati al professor Moretti entro il 15 febbraio 2019. Durante la quarta edizione della Spezia Film Festival (marzo 2019) una mattinata sarà quindi dedicata alle proiezioni dei film e all’incontro dei ragazzi con una personalità di rilievo dell’ambiente cinematografico. La manifestazione si svolgerà al Teatro-Cinema Palmaria del Canaletto sotto la guida del professor Moretti.

Lorenzo Moretti (Sarzana, 1984) professore di religione cattolica e critico cinematografico. Dopo la prima Laurea in Cinema Teatro e Produzione Multimediale conseguita con lode nel 2011 presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Pisa con una tesi monografica sulla filmografia del regista polacco Krzysztof Kieślowski, inizia un secondo percorso di studi all’Istituto di Scienze Religiose Niccolò V della Spezia dove approfondisce la lettura strutturale del film e dell’immagine, ottenendo il massimo dei voti nel 2017 con una tesi dedicata al sacerdote gesuita Padre Nazareno Taddei e la riscoperta della teologia dell’immagine di San Tommaso D’Aquino. Dal 2016 collabora con la rivista mensile EDAV (Educazione Audiovisiva) fondata da Padre Taddei, mediante letture di film e approfondimenti culturali, e si dedica all’insegnamento della religione cattolica nelle scuole superiori promuovendo la necessità di una didattica connessa all’educazione all’immagine e con l’immagine.